Informiamo che in questo sito sono utilizzati solo “cookies tecnici” necessari per ottimizzare la navigazione. Puoi avere maggiori dettagli visionando l’informativa estesa. Se invece prosegui con la navigazione sul presente sito, è implicito che esprimi il consenso all’uso dei suddetti cookies.

Centro Polifunzionale Don Calabria

Sei in: Centro Polifunzionale Don Calabria > Aree > Sportiva > Documentazione > Controllo igienico-sanitario

Area Sportiva
Documentazione

Controllo igienico-sanitario

L'area sportiva del Centro Polifunzionale Don Calabria si è dotata di un protocollo di gestione e autocontrollo redatto ai sensi del punto 6 dell'Atto d'intesa della Conferenza Stato-Regioni n. 1605 del 16.01.2003 relativo agli aspetti igienico-sanitari per la costruzione, la munutenzione e la vigilanza delle piscine ad uso natatorio.
Esso contiene:

  • Una analisi dei potenziali pericoli igienico-sanitari della piscina;
  • Una individuazione dei punti e delle fasi in cui possono verificarsi tali pericoli e la definizione delle relative misure preventive da adottare;
  • La definizione dei sistemi di monitoraggio;
  • L'individuare delle azioni correttive.

Il protocollo è sottoposto a verifica e riesame periodico, anche in relazione al variare delle condizioni iniziali, delle analisi dei rischi, dei punti critici e delle procedure in materia di controllo e sorveglianza. Il Responsabile della piscina deve garantire che siano applicate, mantenute e aggiornate le procedure previste nel documento.

Le piscine dell'area sportiva appartengono alle categorie:
a/1) piscine pubbliche;

In base alla loro utilizzazione la struttura è dotata dei seguenti tipi di vasche:

a) Per nuotatori e di addestramento al nuoto, aventi requisiti che consentono l'esercizio delle attività in conformità al genere ed al livello di prestazioni per le quali è destinata la piscina, nel rispetto delle norme della Federazione Italiana Nuoto (FIN) e della Fédération Internazionale de Natation Amateur (FINA), per quanto concerne le vasche agonistiche.

c) Ricreative, aventi requisiti morfologici e funzionali che le rendono idonee per il gioco e la balneazione.

Le piscine oggetto del piano autocontrollo fanno riferimento alle seguenti normative:

  • Accordo 16 gennaio 2003 tra il Ministero della salute, le regioni e le provincie autonome di Trento e Bolzano sugli aspetti igienico-sanitari per la costruzione, la manutenzione e la vigilanza delle piscine a uso natatorio.
  • Norma UNI 10637 in materia di "Requisiti degli impianti di circolazione, trattamento, disinfezione e qualità dell'acqua della piscina".
  • Norma UNI 13451-1: "Attrezzature per piscine - Parte 1: Requisiti di sicurezza e metodi di prova".
  • Norma UNI 13451-2: "Attrezzature per piscine: Requisiti aggiuntivi specifici di sicurezza e metodi di prova per scale e pioli, scale e gradini e corrimano".
  • Norma UNI 13451-3: "Attrezzature per piscine - Parte 3: Requisiti aggiuntivi specifici di sicurezza e metodi di prova per attrezzature di trattamento dell'acqua".